edizioni

Residenza 41 - Marta Cuscunà

DIALOGHI / RESIDENZE DELLE ARTI PERFORMATIVE A VILLA MANIN

Residenza 41
Villa Manin, Spazio Residenze
2 - 17 gennaio 2021
MARTA CUSCUNÀ (IT)
|Earthbound| ovvero le storie delle Camille

earthbound2 per sito residenze.jpg
Equipe in Residenza
Marta Cuscunà
, autrice, attrice e regista
Paola Villani, progettazione e realizzazione animatronica e della scena
Marco Rogante, assistente alla regia e realizzazione animatronica

“Essere sull'orlo dell'estinzione non è più una metafora.

“Importa quali storie fanno i mondi e quali mondi fanno le storie.”
Donna Haraway


La nuova Residenza di Marta Cuscunà pone le basi di una ricerca per una creazione di fantascienza che esplori l’idea di un futuro prossimo nel quale la manipolazione del genoma umano riporta la vita in aree del pianeta danneggiate dall'uomo.

“Essere sull'orlo dell'estinzione non è più una metafora.
Per uscire dall'atteggiamento distruttivo del game over che ci potrebbe cogliere, la filosofa  Donna Haraway scrive Staying with the trouble, un saggio speculativo di eco-femminismo che include storie di fantascienza: esempi di futuri possibili in cui la specie umana unisce le forze ad altre specie per salvare il nostro pianeta e prendersene di nuovo (e meglio) cura.
Partendo da questo spunto, Marta Cuscunà si immagina una piccola colonia di individui migrati in aree danneggiate dallo sfruttamento umano, per risanarle grazie alla collaborazione con partner non-umani.
Sono gli |Earthbound|
Umani a cui sono stati impiantati i geni di creature in via d'estinzione con il duplice scopo di conservarne la specie e favorire una nuova prospettiva per l’adattamento dell’uomo con l’ambiente naturale grazie alla simbiosi con il suo doppio animale.

“In scena, gli |Earthbound| prendono vita grazie alle creature animatroniche progettate per me da Paola Villani e ispirate alle opere dell'artista australiana Patricia Piccinini, in un monologo di fantascienza per attrice e pupazzi che trasforma in spettacolo il pensiero eco-femminista contemporaneo, ibridando la tradizione del teatro di figura con tecniche di animazione innovative.

E se, come dice Donna Haraway, “importa quali storie fanno i mondi e quali mondi fanno le storie”,  |Earthbound| è uno dei racconti possibili del mondo nuovo in cui potremmo trovarci a vivere domani.”
Marta Cuscunà

Marta Cuscunà è attrice e performer, esponente di un teatro visuale e di figura che scardina l’immaginario legato al passato grazie all’utilizzo di nuove tecnologie. Ha iniziato la sua formazione di attrice a Prima del Teatro: Scuola Europea per l’Arte dell’Attore e nel 2006 debutta  in Merma Neverdies, spettacolo con pupazzi di Joan Mirò e regia di Joan Baixas. Nel 2009 debutta con il suo primo spettacolo E’ bello vivere liberi! Progetto di teatro civile per un’attrice, cinque burattini e un pupazzo, a cui seguono, nel 2012, La semplicità ingannata e nel 2015 Sorry, Boys, terzo capitolo della Trilogia sulle resistenze femminili. Nel 2018 debutta con Il canto della caduta.

CSS Teatro stabile di innovazione del FVG
T. +39 0432 504765 info@cssudine.it

Immagini

script execution time: 0,070239067077637