Contatto 2000/2001

Romeo e Giulietta - et ultra

Contatto

Udine | Teatro S. Giorgio dal 10 novembre 2000
al 11 novembre 2000

Romeo e Giulietta - et ultra

Una storia d'amore fra le più conosciute, il Romeo e Giulietta di Shakespeare, raccontata ma anche "scardinata" da una giovane compagnia teatrale - Fanny & Alexander - decisa a tutto pur di dimostrare che l'universale fama di quel testo non fa necessariamente rima con consuetudine, cliché, conformismo.

La vita non è rosa e fiore

Contatto

Udine | Teatro Zanon dal 24 novembre 2000
al 25 novembre 2000

La vita non è rosa e fiore

Maurizio Crozza, della popolare banda dei Broncoviz si sbizzarrisce a cambiare personalità nei sei folli protagonisti dei racconti surreali, divertenti e poetici, da lui scritti assieme a Stefano Benni e Massimo Olcese.

Koi(o)nè

Contatto

Udine | Teatro Zanon dal 15 dicembre 2000
al 16 dicembre 2000

Koi(o)nè

II Teatrino del Rifo celebra un rito funebre. Ma saranno esequie festanti: i tre attori della compagnia di Torviscosa, scelgono come incipit sferzante l'ambiguo e controverso tema della koinè linguistica.

Baldus

Contatto

Udine | Dipartimento di salute mentale - Padiglione 21 dal 11 gennaio 2001
al 13 gennaio 2001

Baldus

Un covo dai muri scrostati per poche decine di spettatori, fisicamente accerchiati dagli otto briganti che racconteranno le avventure di Baldus. Il Teatro delle Albe di Ravenna guidato da Ermanna Montanari e Marco Martinelli torna a Udine.

Gli armadi sensibili

Contatto

Udine | Teatro S. Giorgio 19, 20, 21, 27, 28 gennaio - ore 20 e 21:30

Gli armadi sensibili

Da una biblioteca fantastica -una serie di dodici armadi abitabili realizzati da artisti italiani e stranieri- gli attori della Casa degli Alfieri estraggono i loro "libri-non libri" e altri oggetti misteriosi, dalla molteplice vita, colorata e surreale.

Genesi

Contatto

Udine | Teatro Nuovo Giovanni da Udine 31 gennaio 2001 ore 21:00

Genesi

Genesi è un'anti-Bibbia da cui trabocca la piena maturità artistica della Socìetas Raffaello Sanzio, compagnia radicale e spesso iconoclasta.

L'insurrezione dei semi

Contatto

Udine | Teatro S. Giorgio dal 2 febbraio 2001
al 3 febbraio 2001

L'insurrezione dei semi

Tre attori, uomo, donna e angelo decidono di andare oltre la porta. Si può? No - ma per finta sì. Il teatro (luogo dove la mente e il corpo esplorano se stessi) può provare. Esecuzione concertante di Rita Maffei e Giuliano Scabia.

L'Agenda di Seattle

Contatto

Udine | Teatro S. Giorgio dal 22 febbraio 2001
al 24 febbraio 2001

L'Agenda di Seattle

L'Agenda di Seattle è l'ultimo progetto in progress de L'Impasto che, a partire da due laboratori-cantiere, uno teatrale, l'altro legato al canto e alla danza, vuole disegnare un viaggio fisico e interiore nella realtà al tempo della globalizzazione.

Dentri

Contatto

Udine | Teatro Zanon 2 marzo 2001 ore 21:00

Dentri

Dentri, ultimo capitolo della trilogia comica in friulano del Teatro Incerto, iniziata con Four e Laris.

La trilogia: Dentri

Contatto

Udine | Teatro Zanon 3 marzo 2001 ore 23:30

La trilogia: Dentri

Dentri, ultimo capitolo della trilogia comica in friulano del Teatro Incerto, iniziata con Four e Laris.

La trilogia: Four

Contatto

Udine | Teatro Zanon 3 marzo 2001 ore 20:30

La trilogia: Four

Tre amici "fuori": una commedia fuori dagli schemi inaugura il nuovo corso del teatro comico in friulano.

La trilogia: Laris

Contatto

Udine | Teatro Zanon 3 marzo 2001 ore 22:00

La trilogia: Laris

Ladri di risate: Laris volge in farsa sulla nostra vita di provincia la saga in friulano del Teatro Incerto.

Romeo and Juliet

Contatto

Udine | Teatro Zanon dal 9 marzo 2001
al 10 marzo 2001

Romeo and Juliet

Più volte protagonista delle passate edizioni, la nuova stagione segna l'atteso riesplodere di Paolo Rossi sulla scena di Contatto, in una rilettura personalissima e stravagante del Romeo and Juliet di Shakespeare.

Corsia degli incurabili

Contatto

Udine | Teatro S. Giorgio dal 16 marzo 2001
al 18 marzo 2001

Corsia degli incurabili

Poema-monologo in terzine denso di tensione morale e civile con cui si incrocia il teatro di poesia di Giuseppe Bevilacqua.

La clé du chapiteau

Contatto

Udine | Teatro Zanon 23 marzo 2001 ore 21:00

La clé du chapiteau

Dall'incontro fra la compagnia milanese Quelli di Grock e Alessandro Serena nasce questo spettacolo che racconta il circo.

Orpheus Glance

Contatto

Udine | Teatro Zanon dal 30 marzo 2001
al 31 marzo 2001

Orpheus Glance

Confrontandosi con forme artistiche che spaziano dall'installazione alla performance alla scultura scenica, Motus hanno addensato un linguaggio teatrale dall'impianto fortemente figurativo, dove si mescolano e amplificano arti  visive, cinema, ricerca scenografica.

Acido fenico

Contatto

Udine | Teatro Zanon dal 7 aprile 2001
al 8 aprile 2001

Acido fenico

Scritto dal magistrato Giancarlo De Cataldo Acido fenico riunisce sulla scena due importanti realtà salentine come i Cantieri Teatrali Koreja e i Sud Sound System.

Katzelmacher

Contatto

Udine | Teatro S. Giorgio dal 19 aprile 2001
al 22 aprile 2001

Katzelmacher

A vent'anni dalla scomparsa del regista Rainer Werner Fassbinder, Rita Maffei mette in scena Katzelmacher, un testo del 1968 capace di raccontare anche il cinismo e il razzismo di oggi.

L'idealista magico

Contatto

Udine | Teatro Zanon dal 26 aprile 2001
al 27 aprile 2001

L'idealista magico

L'idealista magico è la fedele quanto curiosa ricostruzione di una serata di esperimenti elettrostatici. Un tuffo in pieno clima ottocentesco che permette al tempo stesso una sottile riflessione sull' ambiguo rapporto fra arte e scienza, fra verità, magia e illusionismo.

Le mura

Contatto

Udine | Largo Ospedale Vecchio dal 4 maggio 2001
al 5 maggio 2001

Le mura

Prima parte di una trilogia dedicata agli spazi del quotidiano e dell'esistenza umana. Le mura rappresenta per la compagnia di danza contemporanea udinese Arearea un percorso scandito nei ritmi della sacra rappresentazione, in cui ogni azione.

Contatto XIX edizione: un’intera stagione per disegnare il profilo della nuova scena italiana. Un filo rosso che si snoda attraverso diciotto tappe, fra novembre 2000 e maggio 2001, con il quale si concretizza il progetto di ospitalità e di produzione teatrale del Centro Servizi e Spettacoli di Udine - da pochi mesi diventato, in base al nuovo Regolamento che disciplina gli interventi dello Stato attraverso il Ministero per i Beni e le Attività Culturali, Teatro stabile di Innovazione del Friuli Venezia Giulia – e che rilancia il marchio Contatto al centro dell’attenzione di quanti amano inseguire i percorsi di un teatro del non-conformismo. Alla voce Teatro Contatto si troverà un universo composito, eterogeneo, multiforme sicuramente, ma specchio di tutto quanto rende vivo il teatro della contemporaneità: la ricerca, le tensioni poetiche, la non convenzionalità, l’invenzione, le sperimentazioni, gli sconfinamenti e le intersecazioni fra stili e linguaggi, le istanze dell’etica e gli slanci dell’impegno politico.
Punti cardinali della nuova stagione teatrale – reale polo alternativo per gli appassionati di teatro della città e della Regione – si possono ritrovare innanzitutto nella scelta di dare ampio spazio alle novità teatrali che vengono dalla più giovane scena italiana, ai gruppi il cui lavoro si è reso visibile e si è fatto linguaggio e segno pieno di identità proprio negli anni Novanta: compagnie come quella dei bolognesi del Teatrino Clandestino (L’idealista magico), dei riminesi Motus (Orpheus Glance), dei ravennati Fanny&Alexander (Romeo e Giulietta et ultra), a cui si affiancano protagonisti di una ricerca teatrale di forte tensione politica, come il Teatro delle Albe di Ravenna (già protagonista lo scorso anno di un amatissimo spettacolo dedicato ad Alfred Jarry, I polacchi, quest’anno a Contatto con un nuovo tumultuoso, divertente e selvaggio Baldus), i Cantieri teatrali Koreja, cellula teatrale di Lecce da sempre impegnata a creare punti di contatto con altri artisti e realtà espressive (come avviene quest’anno sulla scena di Acido fenico, la ballata per il camorrista Mimmo Carunchio, narrata e cantata assieme ai Sud Sound System, veri re del raggaemuffin mediterraneo), e ancora L’Impasto, compagnia teatrale nomade che attraverso il teatro e la danza esplora in forma di work in progress, con modalità produttive del tutto indipendenti, le realtà e le problematiche che con più urgenza emergono dalla contemporaneità (saranno a Udine con una nuova tappa, dopo Rovereto – Festival Oriente Occidente, e Ferrara, della loro Agenda di Seattle).
Ed è sempre in quest’ambito che trova spazio l’evento di punta della nuova Stagione, con il ritorno a Contatto della Socìetas Raffaello Sanzio, una delle compagnie teatrali più importanti degli ultimi venti anni, forse la più estrema e iconoclasta, ma che in questi anni più radicalmente ha saputo trasformare la ricerca nel teatro italiano. Un teatro di simboli e visioni potenti, concettuale e profondamente filosofico che a Udine mostrerà il suo volto più maturo con Genesi, lo spettacolo che ha consacrato la Raffaello Sanzio a rappresentare il teatro italiano di innovazione a livello internazionale.
Ritrovando una delle sue linee di ispirazione, sono due quest’anno i segmenti comici di Contatto: il primo a segnare il ritorno sulle scene del Teatro Zanon di uno degli affabulatori più amati, Paolo Rossi, a Udine con la sua “serata di delirio organizzato”, molto liberamente ispirata al Romeo &Giulietta, mentre il secondo avrà come protagonista unico Maurizio Crozza della banda dei Broncoviz e di Mai dire gol, in scena con gli otto racconti pazzi e surreali scritti per lui da Stefano Benni e Massimo Olcese (La vita non è rosa e fiore).  Dall’area del teatro ragazzi arrivano invece le due compagnie Quelli di Grock e Casa degli Alfieri, entrambe pronte ad incantare anche il pubblico adulto con storie che parlano con un cuore eternamente bambino. Si tratta di La clé du chapiteau, uno spettacolo dove il teatro incontra la dimensione magica del circo e dello spettacolo Gli armadi sensibili, al tempo stesso spettacolo e mostra intera interattiva che inviterà il pubblico alla visita di dieci affascinanti armadi “attivi”.
Si rafforza ancora di più questa stagione anche l’impegno nel campo della produzione teatrale del Centro Servizi e Spettacoli di Udine, per trovare a Teatro Contatto l’occasione del debutto in prima nazionale degli spettacoli.  Tre nuove produzioni, due co-produzioni e un sostegno produttivo tracciano una zona di intervento creativo che vedrà protagonisti la Compagnia del Css nel nuovo lavoro diretto da Rita Maffei, Katzelmacher, primo testo teatrale di Rainer Werner Fassbiner, Giuseppe Bevilacqua in scena con Corsia degli incurabili, lancinante monologo in versi della poetessa Patrizia Valduga, Giuliano Scabia con il suo epilogo-divertissment al ciclo del teatro vagante L'insurrezione dei semi, il Teatro Incerto a presentare l’ultima parte della sua trilogia comica in lingua friulana, Dentri (co-produzione Css) e per una serata l'opera nella sua interezza tripartita, la compagnia di teatro danza de L’Impasto che a Udine non sarà solo ospite con L’Agenda di Seattle, ma protagonista di laboratori e performance aperte alla città promosse dal Css, il Teatrino del Rifo che con il sostegno del Css lancia la sfida di un graffiante e ironico  atto d’accusa alle convenzioni e ai cliché della cultura friulana nel suo nuovo spettacolo Koi(o)né.
Tutto questo è il nuovo Teatro Contatto. Contenuti, forme e intenzioni di un teatro che darà dimensione al sistema teatrale della città, abitando tutti i suoi spazi, dal Teatro Zanon, sede storica dei Contatto, al Teatro S. Giorgio, il teatro di borgo Grazzano che diventa da questa stagione per il Css una nuova sede di lavoro, dove ospitare, assieme ad alcuni appuntamenti della Stagione di Contatto 00-01, anche i “cantieri” delle sue nuove produzioni; il Teatro Nuovo Giovanni da Udine darà respiro alla visionarietà del teatro della Raffaello Sanzio, mentre non mancheranno gli sconfinamenti in spazi non convenzionali come lo Spazio Box, capannone industriale che da qualche anno ospita un locale giovane fra i più frequentati della città, e l’area di Largo Ospedale Vecchio, ad ospitare lo spettacolo Le mura della Compagnia di danza contemporanea Arearéa, fino agli spazi del vivere quotidiano, dagli uffici postali ai centri commerciali, che a sorpresa diventeranno i bersagli delle tante performance non annunciate della compagnia dell’Impasto.
Accanto alla programmazione teatrale, Contatto apre da quest'anno uno spazio progettuale all' Oltrecontatto: un dopoteatro ricco di iniziative (il cui programma verrà presentato nei prossimi giorni) che spazieranno dal cinema, alla musica, alla poesia, agli incontri con scrittori, drammaturghi, registi e attori.
Novità anche per il pubblico che si accinge a seguire con assiduità la Stagione: da quest’anno Teatro Contatto adotta un nuovo sistema di prevendita mettendo a disposizione degli spettatori, accanto alla formula unica di abbonamento Alta fedeltà, due diversi tipi di Card con valore a scalare: un sistema innovativo che promuove la libertà di partecipazione e la capacità di scelta dello spettatore, consentendo importanti riduzioni sui prezzi del biglietto (vedere allegato nel dettaglio). Una particolare attenzione viene rivolta al pubblico degli studenti dell’Università di Udine che potranno frequentare Teatro Contatto a prezzi contenutissimi (che oscillano, per chi acquisterà le Card giovani, fra le 20 e le 10 mila lire).