Trê zovini’

Ispirato all'opera di Novella Cantarutti e firmato da Massimo Somaglino e Carlo Tolazzi Trê zovini’ riprende il suo percorso artistico grazie alla produzione del CSS con il sostegno di ARLeF - Agjenzie regjonâl pe lenghe furlane

locandina
anno
2014
testo
liberamente ispirato all'opera di / gjavât fûr in maniere libare de opare di Novella Cantarutti
drammaturgia / dramaturgjie Massimo Somaglino e Carlo Tolazzi
regia
regia / regjie Massimo Somaglino
interpreti
in scena / in sene Chiara Benedetti, Sara Rainis, Aida Talliente
scene/luci
luci e fonica / lûs e foniche Michele Pegan
musiche
musiche originali e scelte musicali / musichis origjinâls e sieltis musicâls Claudia Grimaz
e...
assistente alla regia / assistente ae regjie Elisa Copetti
laboratorio di drammaturgia / laboratori di dramaturgjie Federica Angeli, Marianna Fernetich, Giulia Pes
sartoria / sartorie Cristina Moret - Sartilegio
produzione
una produzione / une produzion CSS Teatro stabile di innovazione del FVG
con il sostegno di / cu la poie di ARLeF - Agjenzie regjonâl pe lenghe furlane

Come ideale germinazione di quel laboratorio di intuizioni che è stato, nel 2012, Siums, il progetto produttivo a episodi ideato e diretto da Gigi Dall’Aglio per gli artisti, drammaturghi e registi riuniti nella Farie teatrâl furlane, Trê zovini’ si inoltra e prosegue sul sentiero della scrittura poetica e narrativa di Novella Cantarutti, scomparsa nel 2009.

In scena tre donne che continuamente si trasformano diventando di volta in volta giovani e vecchie, stanziali e viaggiatrici, madri e figlie, amiche e nemiche, collegando tra loro passato e futuro attraverso racconti, dialoghi, azioni e canti, in una composizione scenica dal taglio molto moderno che mette in fila registri diversi e atmosfere poetiche ironiche, comiche, drammatiche. La lingua friulana adoperata è la lingua specificamente poetica di Novella Cantarutti, una lingua viva, nuda, cristiana, rustica, pura, essenziale ed austera.

Una drammaturgia “a quadri” espone i risultati di una profonda ricerca che dal mondo antico, duro, austero ma potente delle popolazioni che abitano la montagna, attraverso i riconoscimenti e le testimonianze che ne segnano i tratti salienti e si trasmettono attraverso le epoche e le discendenze, confermano le appartenenze dei popoli ai propri antenati. Le relazioni di sangue sono intrecciate alle relazioni culturali e formano legami profondi che provengono dal passato e ci proiettano nel futuro.


Tant che gjerminazion ideâl di chel laboratori di intuizions che al è stât, tal 2012, Siums, il progjet produtîf a episodis ideât e diret di Gigi Dall’Aglio pai artiscj, dramaturcs, e regjiscj metûts adun te Farie teatrâl furlane, Trê zovini’  al va indenant e plui insot te scriture poetiche e narative di Novella Cantarutti, vignude a mancjâ tal 2009.

In sene trê feminis che di continui si trasformin deventant daûr des voltis zovinis e vielis, fermis o in viaç, maris o fiis, amiis o nemiis, colegant tra di lôr il passât e l’avignî cun contis, dialics, azions e cjants, intune composizion seniche di caratar moderni che al met in rie regjiscj difarents e atmosferis poetichis ironichis, comichis, dramatichis. La lenghe furlane doprade e je la lenghe in maniere specifiche poetiche di Novella Cantarutti, une lenghe vive, crote, cristiane, rustiche, pure, essenziâl e severe.

Une dramaturgjie fate “di cuadris” e mostre i risultâts di une ricercje profonde che dal mont antîc, dûr, rigorôs ma potent des popolazions che a son a stâ in mont, par mieç dai ricognossiments e des testemoneancis che indi marchin lis carateristichis impuartantis e che si trasmetin tes etis e tes dissendencis, a confermin lis partignincis dai popui ai lôr vons. Lis relazions di sanc si incrosin a lis relazions culturâls a crein leams profonts che a rivin dal passât e che nus puartin tal avignî.


Io mi impongo di guardare al passato per recuperarlo senza farlo oggetto di nostalgia, per renderlo attivo così che possa ancora operare in me, aiutarmi a continuare a vivere. Questo intendo per fedeltà: continuare a essere quello che si è stati.
(Jo mi impon di cjalâ al passât par recuperâ cence fâlu deventâ ogjet di nostalgjie, par fâlu atîf in maniere che al puedi ancjemò lavorâ dentri di me, judâmi a lâ indenant a vivi. Chest o vuei dî: lâ indenant a jessi chel che si è stâts)
Novella Cantarutti

Immagini

Tournée

prima assoluta / prime assolude
25 luglio 2014 ore 22 / ai 25 di Lui
Mittelfest_Segnali
Cividale del Friuli (UD), Chiostro di San Francesco / Cividât, Claustri di San Frances 

tournée
11 dicembre 2014, ore 20.45
ERT Ente Regionale Teatrale per FVG
Tolmezzo (UD), Teatro comunale Luigi Candoni
12 dicembre 2014, ore 20.45
ERT Ente Regionale Teatrale per FVG
Sedegliano (UD), Teatro Plinio Clabassi
13 dicembre 2014, ore 21
teatro e danza Teatro Pasolini
Cervignano del Friuli (UD), Teatro Pasolini
7 marzo 2015, ore 20.45
ERT Ente Regionale Teatrale per FVG
S. Vito al Tagliamento (PN), Auditorium comunale Centro Civico
8 marzo 2015, ore 20.45
Colugna (UD), Teatro Luigi Bon
10 aprile 2015, ore 21
Spilimbergo (PN), Teatro Miotto
8 maggio 2015, ore 20.45
Artegna (UD), Teatro Monsignor Lavaroni
12 maggio 2015, ore 20.45
Lestizza (UD), Auditorium Comunale

 
script execution time: 0,0055530071258545