Udine | Teatro Palamostre
3 febbraio 1994
6 febbraio 1994

Pigmalione

Pigmalione, pur essendo, dal punto di vista della scrittura, un'apertura, un incipit, come regia e come percorso registico di Taddei e invece il terzo atto di una fortunata trilogia

locandina
anno
1994
testo
Andrea Taddei
regia
Andrea Taddei
interpreti
Emanuela Villagrossi, Carla Chiarelli, Sandra Toffolatti, Gianluca Barbadori
scene/luci
scene Marco Mencacci
luci Alberto Bevilacqua
musiche
Renato Rinaldi
produzione
Centro Servizi e Spettacoli di Udine, Comune di Udine, Solari Udine Spa

Pigmalione, questa nuova esperienza di Andrea Taddei e del CSS, è un punto nodale nei rispettivi percorsi artistici e produttivi, un punto di convergenza, ma nello stesso tempo di apertura di nuovi cicli di lavoro teatrale.
Con la messa in scena del Pigmalione Andrea Taddei chiude infatti un "trittico" che ha avuto cronologicamente inizio con Gloria (prodotto da TeatridiThalia) e che è proseguito con Le Tentazioni di Toni (prodotto dal CSS); una trilogia che ha permesso a un regista e drammaturgo "atipico" come Taddei di completare e mettere a punto uno stile di scrittura scenica che si può definire come drammaturgia totale, in cui il peso del testo (sempre originale, ma con importanti ed esplicite citazioni), non supera quello dell'immagine e della musica, in cui la parte scritta è solo una delle componenti della drammaturgia.
Pigmalione in realtà aveva aperto, non chiuso, il ciclo di lavoro di Taddei: Pigmalione, infatti, era stato il primo ad essere scritto (in un periodo tra il 1986 e il 1989) ed è stato il prototipo sul quale Taddei ha modellato, sviluppato il lavoro di Gloria e Le Tentazioni di Toni, emotivamente, tecnicamente, stilisticamente, tanto da poter considerare i tre spettacoli tre atti di un'unica piéce; il Pigmalione, pur essendo, dal punto di vista della scrittura, un'apertura, un incipit, come regia e come percorso registico di Taddei, è invece il terzo atto di quella piéce: il primo atto a tinte fosche (Le Tentazioni di Toni), quindi un interludio (Gloria) che, nonostante il tema trattato, è un pezzo molto solare, scritto in versi, con l'aspetto barocco di una macchina di intrattenimento, e infine il terzo atto, come sempre il più leggero, con un'aria da operetta o da comica finale (Pigmalione).
Nella stagione 1994-1995 il CSS ha proposto questo inedito e inusuale spettacolo, analisi e sintesi di un percorso teatrale, chiusura di un ciclo e apertura di una nuova fase di lavoro, per uno dei più interessanti autori teatrali dell'attuale scena italiana.

Immagini

Tournèè

prima assoluta

3 febbraio 1994
Udine, Teatro Palamostre